L'Eco Ostetrica - Marama - Arte Ostetrica e Hypnobirthing

Vai ai contenuti

L'igiene del neonato secondo Natura

Marama - Arte Ostetrica e Hypnobirthing
Pubblicato da · 9 Aprile 2020
L'igiene del neonato secondo Natura




Prima di parlare del neonato è utile per prima cosa osservare gli adulti e le loro abitudini.
La maggior parte delle persone utilizza, per la cura e l’igiene del proprio corpo, detergenti, creme e prodotti vari, acquistabili in qualsiasi supermercato, senza prestare attenzione a ciò che contengono.

E perché si dovrebbe? Spesso non vengono letti neppure gli ingredienti di ciò che si mangia e si beve!
Sarebbe utile prestare più attenzione, perché la nostra salute è strettamente legata a tutto ciò che il nostro corpo assume e assorbe.
Abbiamo a disposizione Internet, uno strumento importantissimo per reperire numerose informazioni, sfruttiamolo al meglio!
Tutto ciò che applichiamo sulla nostra pelle viene in parte, se non del tutto, assorbito dal nostro corpo andando a peggiorare o migliorare inevitabilmente il suo stato.  
E’ quindi indispensabile che i prodotti vangano selezionati con attenzione.
L’INCI, la sigla che compare sull’etichetta di ogni prodotto, ne elenca gli ingredienti; purtroppo però spesso non sono facilmente interpretabili (qui può venire in soccorso Internet).
Tra gli ingredienti dannosi troviamo:
- i parabeni, sostanze chimiche utilizzate come conservanti. Queste penetrano nella pelle e nel sangue e sono stati associati al tumore al seno;
- i siliconi, sostanze chimiche utilizzate per rendere le creme più facilmente spalmabili, con una sensazione cutanea di pelle vellutata, e gli shampoo più lucidanti. Ma l’effetto è solo estetico e non nutriente come appare e, a lungo andare, porta a seccare ancora di più la pelle.  Non ci sono ricerche scientifiche valide per escludere reazioni avverse. Altro fattore negativo è che sono altamente inquinanti;
- i derivati del petrolio (ad es. il Sodium Laureth Sulfate), i cui effetti collaterali possibili sono irritazioni, allergie, eczemi, oltre ad essere in alcuni casi considerati cancerogeni.
La soluzione per proteggerci da queste sostanze è quella di orientarci verso prodotti ecologici, ottenuti da prodotti di origine vegetale, coltivati con metodi biologici. Solitamente sono realizzati da piccole realtà e venduti online o in negozi specializzati.
I prodotti dei neonati non pensiate siano privi di queste sostanze nocive!
Attenzione a non lasciarvi convincere dalle marche o da definizioni come “naturale” o “eco”, ma guardate sempre gli ingredienti: meno ingredienti ci sono, meglio è. Nel dubbio evitate l’acquisto.

Ma un neonato si sporca davvero così tanto (a parte il sederino)?
Di cosa ha bisogno realmente un neonato?
Ciò di cui può avere bisogno ogni tanto è un bagnetto rinfrescante, lenitivo, rilassante e riattivante la circolazione.
E’ sufficiente utilizzare una vaschetta contenente acqua a temperatura corporea, o comunque non superiore a 37°C, a cui si può aggiungere un cucchiaino di amido di mais o di riso e, se si vuole rendere il bagnetto profumato, aggiungere una goccia di olio essenziale di lavanda, mescolato a un cucchiaio di miele di acacia.  
In caso di una folta chioma è possibile scegliere uno shampo ecobio senza profumi.

Dopo il bagnetto non è necessario idratare la pelle, ma spalmare qualcosa sul corpicino può essere un momento piacevole, sia per il genitore che per il bambino, così come il vero e proprio massaggio neonatale, perché vissuto come un momento di contatto amorevole e di conoscenza reciproca.
Cosa si può utilizzare in questi casi?
L’olio di mandorle dolci è quello più indicato e tollerato.  
Il burro di karitè puro è consigliato in caso di secchezza o dermatite essendo molto nutriente e delicato, anche se non indicato per il massaggio perché poco scorrevole.

Altra frequente domanda è: ogni quanto si può fare il bagnetto a un neonato?
Non c’è una regola, ma io consiglio di non farlo tutti i giorni.  
Due volte a settimana è più che sufficiente, a differenza del massaggio neonatale che, se si trasforma in una pratica quotidiana, apporta numerosi benefici.
L’igiene quotidiana del sederino, al cambio del pannolino, è un’altra faccenda.
Per prima cosa sarebbero da escludere le salviettine usa e getta (purtroppo largamente utilizzate), perché imbibite di sostanze chimiche ed aggressive, oltre che molto inquinanti, perché non biodegradabili.
Se siete a casa non ci crederete ma quello di cui avrete bisogno è semplicemente...l’acqua!!
Nel caso di sporco ostinato, un pochino di olio di oliva riuscirà ad ammorbidire il tutto e... il sederino del vostro bambino vi ringrazierà!
Se siete fuori porta e c’è un lavandino, sarà sufficiente portarsi una piccola boccettina con olio di oliva in caso di necessità, e una salvietta per asciugare. Se invece non c’è il lavandino (o non ne siete così sicure…) la solita boccettina di olio potrà essere utilizzata come detergente, con il supporto di fazzolettini di carta, o meglio ancora di salviette di stoffa lavabili (si trovano anche di cotone biologico in negozi online), da riporre, una volta usate, in una sacchetta impermeabile lavabile (come quelle dei pannolini lavabili). Così facendo andremo a sostituire per sempre le famigerate salviette usa e getta.  
Il risparmio è assicurato! E ne trarrà giovamento la vostra cucciola, o cucciolo, e la nostra preziosa Madre Natura.
  
  



Privacy e cookie        
Isabella Iorio  P.IVA 04132230980
Torna ai contenuti